Mazara. Gli allievi dell’Istituto “Francesco Ferrara” in mobilità transnazionale

Bis di partenze per gli allievi dell’Istituto d’Istruzione Superiore “Francesco Ferrara che, grazie all’Erasmus+ Azione KA2 – Programma finanziato dall’Unione Europea per l’Istruzione e la formazione per il periodo 2021-2027 – colgono l’opportunità di studio  e sviluppo di competenze in materia di cittadinanza attiva, in una dimensione comunitaria.

“Let’ go Green” e “Unique National and European Symbols of our Culture and Originality – UNESCO” – i titoli dei progetti destinati agli alunni di età compresa tra 14 e i 19 anni, già in possesso di buone conoscenze della lingua inglese e ai quali, a conclusione delle mobilità, è stato riconosciuto il Mobility pass, un portfolio di  competenze sviluppate nel corso dell’esperienza all’estero, utili per future candidature nel mondo del lavoro.

Artemis, in Grecia, la meta per i cinque allievi selezionati nell’ambito della quarta mobilità UNESCO che, supportati dal coordinatore Prof. Gaspare Di Stefano e dai docenti accompagnatori Rosa D’Alfio e Daniele Campisi, nella suggestiva cornice ellenica hanno declinato la mission del progetto.

“Tentative List” – Lista Propositiva Nazionale, per la richiesta di iscrizione nella lista del Patrimonio Mondiale – la tematica sviluppata nell’ambito del Topic UNESCO, rivolto a docenti e studenti del nostro Istituto, in partenariato con le  scuole europee della Croazia, della Turchia, della Grecia, della Spagna e della Romania.

La nostra scuola si è preparata alla conquista del patrimonio culturale artistico e archeologico dei paesi partner, tramite lo scambio in lingua inglese” ha dichiarato la dirigente, Dott.ssa Licia Ingrasciotta, durante la conferenza di disseminazione del progetto, in presenza del Sindaco di Mazara, Dott. Salvatore Quinci. “Una risposta all’esigenza individuata nelle sei scuole partecipanti, volta a sensibilizzare gli studenti – ha proseguito la Dott.ssa Ingrasciotta – e ad arricchire la conoscenza del patrimonio dell’Unesco come bene comune, attraverso metodi di apprendimento innovativi e modalità digitali”.

Oltre alla conoscenza delle diverse realtà scolastiche e al confronto con le diverse culture, gli allievi hanno arricchito il loro bagaglio attraverso visite guidate in vari siti di interesse storico-culturale, tra cui campeggiano l’Acropoli, il Partenone e il Museo Archeologico di Atene.

Con l’obiettivo di sviluppare un approccio critico sulle tematiche ambientali e sostenere comportamenti proattivi per la cittadinanza attiva, sono atterrati in Polonia i sette allievi selezionati per “Let’s go Green”- Erasmus+ KA220, guidati anche per questa esperienza dal Coordinatore Prof. Di Stefano e dal Prof. Daniele Campisi, con il nuovo ingresso della Prof.ssa Miriam Norrito.

La materia ambientale che rappresenta il futuro, poiché costantemente la natura ci richiama alla nostra responsabilità” – ha proseguito  la dirigente – “è stata declinata secondo le modalità Erasmus, che sono quelle del confronto con studenti stranieri, per conoscere e per comunicare in inglese. Il progetto rientra, inoltre, a pieno titolo nei fondi del PNRR, per la promozione delle competenze digitali e linguistiche e traduce due vecchie nostre scelte prioritarie, perché noi con i Sistemi Informativi Aziendali e il nostro multilinguismo ci siamo confermati pionieri”.

“Abbiamo fortemente creduto in questo progetto – ha affermato con evidente soddisfazione il Prof. Di Stefano I ragazzi sono cresciuti dal punto di vista linguistico, oltre che culturale, ci siamo difesi bene rispetto agli altri team e questo è motivo di orgoglio”.

Col supporto dei docenti accompagnatori, gli allievi si sono misurati in campo di ecosostenibilità attraverso attività inerenti l’economia circolare, l’uso di risorse rinnovabili e la realizzazione di “Hall of Fame Sea protected of Egadi islands”, un prodotto di presentazione digitale delle Isole Egadi, area marina protetta più estesa in Europa e dalle acque fra le più limpide del Mediterraneo.

Questa scuola, con una dirigente e un corpo decente così smart, si conferma come una scuola dinamica, che offre opportunità oggi veramente importanti – ha dichiarato nel suo intervento il sindaco Quinci – Cominciate a ragionare su un futuro green e credeteci, perché questo paese oggi ha bisogno di voi”.

A ricevere i contratti formativi di partecipazione, alunni commossi e orgogliosi, con una particolare menzione per  l’allieva Cristina Alina Popescu, nominata leader del team Italia per le doti di responsabilità, per le capacità linguistiche e per le spiccate doti da leader.

Definire un profilo di alta qualità degli studenti è obiettivo della dirigente dott.ssa Licia Ingrasciotta e del team di docenti dell’Istituto “Francesco Ferrara”, impegnati in un’incessante elaborazione progettuale, che inserisce l’istituzione scolastica fra le realtà didattiche più importanti sul territorio, pronto a ricevere i partner nella prossima mobilità.

Prof.ssa Caterina Giacalone