Prima sosta nel campionato nazionale serie B1 di Volley Femminile per la GesanCom Fly Volley Marsala

Prima sosta nel campionato nazionale serie B1 di Volley Femminile per la GesanCom Fly Volley Marsala che, così, attenderà i risultati delle altre squadre del girone E nella quinta giornata di andata del massimo torneo cadetto.
Nel fare un riepilogo del percorso sportivo di questa stagione, salta immediatamente agli occhi, all’alba della prima giornata, che i roster presenti nel girone E hanno una qualità ed un impatto immaginifico di forza e coesione che li rende, idealmente, un gruppo davvero difficile di squadre da affrontare. Avvalora questa tesi l’ipotesi che le altre contendenti hanno potuto pesare il roster della Fly Volley ed anche esse hanno pensato le stesse cose: la B1 è un campionato difficile, tanta concentrazione e tanta dedizione all’amalgama di gioco, saranno i must del primo scorcio di questo fantastico torneo.
La prima giornata concede poco all’immaginazione, Melendugno, Messina ed Arzano scoccano la prima freccia, 3-0 e palla al centro si direbbe, la Fly si inchina alle ragazze terribili del Volleyrò, portando a casa un set che concede il sapore della battaglia. Saranno Telesino e Baronissi a giocare il primo quinto set del campionato vinto dalle seconde con un 18-20 che la dice lunga sulla sofferenza in campo delle atlete.
Sarà la seconda giornata a dire qualcosa di concreto, fanno il pieno di punti Messina, Volleyrò, Telesino e Baronissi. La GesanCom Fly Volley Marsala, in casa, mette in scena il primo thriller della stagione, conduce 2-1, si fa raggiungere nel quarto set, e nel quinto, sul punteggio di 14-13 ha la palla della vittoria: batte Chiara Scirè, la palla, dirà successivamente il replay, è dentro, ma l’arbitro la vede fuori. Sarà un solo punto per la Fly, ma la sfida alle altre squadre è lanciata, in B1, c’è anche la GesanCom Fly Volley Marsala a voler dire la sua.
La terza giornata dice che Messina e Melendugno vogliono la testa della classifica, conquistandola di slancio, Pomezia insegue Arzano che riposa, e Terrasini, alla sua prima, vince 3-2 sulle guerriere di Baronissi. La Fly va in trasferta a Catania con il piglio di chi vuole i tre punti, di nuovo 1-2 per la Fly, ma i ricordi della settimana precedente tarpano le ali alle libellule biancoazzurre di Coach Piero Camiolo che vengono raggiunte dalle etnee. Di nuovo quinto set, ma stavolta la concentrazione è massima e sarà la Fly a portare a casa i due punti.
La quarta giornata porta i ricordi dei PlayOff della scorsa stagione perchè la Fly va in trasferta in Campania a Torre Annunziata, le Oplontine hanno zero punti in classifica, ma una voglia matta di rimettere il naso fuori dai meandri della zona rossa, la Fly guidata dal ritorno di Coach Gaspare Viselli gioca per i tre punti. Sarà battaglia di quella vera, scintille nei 162 mq del terreno di gioco, nessuno vuole cedere. Terzo quinto set consecutivo per le lilibetane, come a dire: sappiamo giocare con la tensione a mille. Due punti anche qui. Si, la Fly c’è. Arzano, Messina e Telesino vincono da tre e gravitano lì, in cima, dove volano le aquile.
Battaglia anche a Pomezia, Terrasini porta via un punto da casa delle laziali e la zona bassa della classifica si fà interessante.
La quinta, come già detto non vedrà la Fly in campo. E’ tempo di grandi sfide, nella parte alta Arzano-Messina e nella parte bassa Catania-Torre Annunziata. È appena iniziato, e nessuno molla in questo affascinante e duro Campionato, ma anche se domenica non gioca, la Fly c’è.

Ufficio Stampa Fly Volley