Rogo ad Alcamo, è allarme diossina. L’ASP Trapani in campo per controlli su alimenti e animali

Il giorno dopo la paura non è passata. E’ allarme diossina ad Alcamo per l’incendio che è scoppiato ieri pomeriggio in un deposito per la raccolta differenziata dei rifiuti. Un rogo che ha alimentato la paura per quella densa nube nera che ha ricoperto la città.

Sul posto sono intervenute diverse squadre dei vigili del fuoco provenienti da Palermo e da Trapani, oltre a mezzi del Comune e della Protezione Civile. L’incendio, di cui al momento non si conosce la causa, si è sviluppato nel centro di stoccaggio dell’imprenditore Vincenzo D’Angelo, in contrada Stasi. E ancora stamattina c’erano fiamme da domare.

Il rogo ha provocato un’altissima colonna di fumo nero, visibile a diversi chilometri di distanza, in particolare dagli automobilisti in transito sull’autostrada A29 Palermo-Mazara del Vallo. Il sindaco di Alcamo Domenico Surdi ha invitato la popolazione a rimanere a casa con le finestre chiuse, in attesa dei risultati del monitoraggio dell’aria subito predisposto dai tecnici dell’Arpa. L’incendio ha infatti bruciato anche materie plastiche stoccate nell’impianto per il trattamento dei rifiuti; di qui l’allarme per il rischio di sostanze tossiche.

L’ecologista Massimo Fundarò, che abita ad Alcamo ed è membro della direzione nazionale di Sinistra italiana, afferma che “non c’è bisogno di attendere le analisi; la combustione della plastica sprigiona diossina, che è tossica sia per inalazione che per contatto. Le autorità devono, con urgenza, adottare le misure necessarie. Il problema non si esaurisce con lo spegnimento dell’incendio. La diossina si deposita sui terreni”.

Anche Bartolo Corallo, presidente Gruppi Ricerca Ecologica Sicilia ha chiesto un intervento immediato per verificare la qualità dell’aria. “Mi sembra che si possa parlare di disastro ambientale – dice Corallo – Nel pomeriggio ad Alcamo è calata la notte e l’aria è diventata irrespirabile. Chiederò alla Regione di eseguire tutte le analisi necessarie per dare sicurezza agli abitanti di una vastissima area”.

Intanto, Salvo Cocina, dirigente dell’ufficio speciale per la differenziata presso la Regione, avanza i suoi sospetti: “C’e davvero in atto una strategia contro la recente crescita della differenziata in Sicilia? Amministratori, tecnici, comuni e regione, associazioni… stiamo dando davvero fastidio mettendo in discussione interessi intoccabili? Oggi incendio impianto di Alcamo, mese scorso incendio impianto compostaggio di Grammichele e piattaforma Pieco a Patti, chiusura impianti di compostaggio di Ramacca e Joppolo, chiusura piattforma di Messina-Pace”.

trapani.gds.it

 

INCENDIO RIFIUTI ALCAMO: L’ASP IN CAMPO PER I CONTROLLI SU ALIMENTI E SUGLI ANIMALI

I rappresentanti dell’Azienda sanitaria provinciale di Trapani si sono insediati nell’unità di crisi istituita dalla prefettura di Trapani, costituita presso il comune di Alcamo, per fronteggiare le emergenze derivate dal vasto incendio al deposito di rifiuti nel territorio di quel comune.

Il dipartimento di prevenzione dell’ASP si sta occupando dei profili relativi alla salute umana,  il dipartimento veterinario dell’ASP della salute animale, mentre l’Arpa degli aspetti ambientali e il monitoraggio sulla qualità dell’aria. A coordinare tutti gli interventi legati alla salute è il dirigente del dipartimento, Francesco Di Gregorio.

Sono già in corso ispezioni e campionamenti sulle colture e i prodotti agricoli della zona e sull’igiene degli alimenti, per verificare se vi siano rischi per la salute, insieme al monitoraggio delle risorse idropotabili delle acque sotterranee e superficiali, mentre controlli vengono effettuati anche sugli animali dai veterinari dell’ASP.