Mazara. Anna Quinci coordinatrice e portavoce del Comitato civico per la tutela e la (ri)qualificazione del fiume Mazaro

Il Comitato civico per la tutela e la (ri)qualificazione del fiume Mazaro,  riunitosi nei locali della CGIL di Mazara del Vallo (g.c.), nella giornata di giovedì 29 giugno 2017 dopo un’attenta e approfondita valutazione della situazione attuale del fiume e del porto canale, ritiene necessario avviare un confronto con le parti sociali economiche e produttive della nostra città come condizione necessaria per costruire un progetto di tutela, riqualificazione e rilancio del fiume e del porto canale, ritenute delle risorse, non solo economico-produttive, ma anche culturali, che, lungo le diverse fasi storiche, hanno segnato l’identità e le forme di socialità dell’intera comunità mazarese.

Il recupero e la valorizzazione del fiume Mazaro e del porto canale di Mazara richiedono un’attenzione e un impegno che vanno ben oltre il problema, seppure importante, del dragaggio, con l’attivazione di una serie di specifici investimenti sulle strutture materiali e immateriali a supporto delle attività economiche,  al fine di migliorare e rilanciare le antiche professionalità e a stimolare l’insediamento di nuove aziende.

Dentro questa prospettiva il ruolo della classe dirigente e della politica mazarese è, senza dubbio, importante e determinante. Per questo il comitato ritiene necessario che siano attivate tutte le forme di carattere istituzionale che coinvolgano l’organo supremo della rappresentanza politica, al fine di avviare un confronto tra le diverse forze politiche, sociali e imprenditoriali della nostra città sul futuro del fiume Mazaro e sul destino del porto canale.

In tale occasione il Comitato ha  proceduto alla nomina  della coordinatrice e portavoce del Comitato stesso la signora Anna Quinci.

 

comunicato stampa