Depuratori delle Isole Egadi, il Procuratore aggiunto di Trapani Maurizio Agnello sull’impianto di Favignana “l’impianto è stato realizzato in violazione delle norme a protezione delle aree demaniali, sono in corso indagini”

Queste le dichiarazioni che apprendiamo dalla stampa (fonte Alqamah) dell’audizione in Parlamento alla commissione Ambiente e ciclo dei rifiuti, che riguardava il territorio della provincia di Trapani.

Nulla di nuovo aggiungiamo, ma non perché pensiamo che ne sappiamo più della procura, anzi massimo rispetto per il lavoro che si sta facendo.

Il problema è che passano gli anni, passano le amministrazioni comunali che dovrebbero avere come priorità i depuratori e la gestione del proprio territorio, ma poco è cambiato finora.

Quando eravamo in Consiglio Comunale ci siamo occupati dei lavori del depuratore di Favignana fatti nel 2016 presentando atti ispettivi, in quanto era chiaro e palese a tutti che quei lavori non erano fatti a norma. Ora sappiamo che ci sono delle indagini in corso. Ma tutti sapevano, comprese le forze politiche che fanno sempre troppo poco quando si tratta di difesa dell’ambiente. Lo stesso ambiente che ci permette di avere un indotto che porta sulle nostre isole turisti, soldi e lavoro.

Aggiungiamo che il centro abitato come varie aree dell’isola di Favignana in questi anni si sono urbanizzate senza una vera pianificazione di come gestire le acqua bianche e le acque reflue. Tutto è stato fatto per uno sviluppo sfrenato senza pensare alla gestione del dopo. Portiamo ad esempio la zona della Badia, detta anche dei mulini dove un tempo vi erano mulini, cave e giardini ipogei, oggi ci sono villaggi, residence e affitta camere. Emblematico l’esempio di un residence di recente costruzione che sfoggia una specie di campanile che risulta essere una rampa di ascensore, oggetto di indagini per presunte opere di abusivismo fatte alla luce del giorno.

Ma ritornando alla questione dei depuratori, che dovrebbero essere calibrati alla popolazione che devono soddisfare, si è anche saputo che di recente facoltosi privati si erano offerti per realizzare tali impianti di depurazione finanziando l’opera pubblica nella sua interezza. Parliamo dell’impianto dell’isola di Levanzo dove un imprenditore famoso in tutta Italia aveva fatto un’offerta, mai colta dall’amministrazione comunale di allora non si capisce il perché.

E sempre a Favignana parlando di ambiente abbiamo il processo alla società SEA spa della famiglia Accardi che produce energia elettrica sull’isola. Al netto del percorso processuale che si farà, dove vi sono accuse di inquinamento ambientale e mancata bonifica, c’è l’ambiente violato da anni di sversamenti di carburante che hanno permeato le falde acquifere dell’isola.

Siamo sicuri che l’amministrazione Forgione, che già ha fatto differenti passi su questo solco, con i suoi assessori e consiglieri comunali, riescano a dare la giusta spinta per una visione politica che guarda lungo.

 

Il Vice Segretario Vicario                                                                                                                                             Pietro Giangrasso

Il Membro dell’Assemblea Regionale                                                                                                                            Michele Rallo