Con Blue Sea Land il granchio blu non fa più paura. Conclusa l’XI edizione dell’expo che unisce le due sponde del Mediterraneo

Avviata una collaborazione con il ministero del Mare. I progetti del Distretto della Pesca su specie aliene e tracciabilità e il Rapporto annuale su pesca e acquacultura

Il mare in inverno e più di 40 modi per raccontarlo. Tanti sono stati i workshop che si sono svolti a Mazara del Vallo, in occasione dell’XI edizione di Blue Sea Land, l’expo dei Paesi del Mediterraneo ritornata, dopo la pandemia, nella sua formula piena di villaggio scientifico, culturale e gastronomico. Organizzata dal Distretto Pesca e Crescita Blu, guidato dal presidente Nino Carlino, con il supporto della Regione Siciliana, ha coinvolto paesi dell’Africa, del Mediterraneo e del Medio Oriente e ha registrato la presenza di centinaia di personalità politiche, studiosi ed economisti internazionali, tra i relatori, e grande affluenza di pubblico. È stata indicata per il prossimo ottobre l’edizione 2023 Blue Sea Land.

I temi scientifici affrontati durante l’edizione 2022 di Blue Sea Land

Tante le tematiche affrontate durante le cinque giornate di incontri di Blue Sea Land 2022 a cui ha partecipato anche l’ex presidente della Regione siciliana, Nello Musumeci, che ha auspicato una nuova collaborazione tra il ministero del Mare e della Protezione civile e il Distretto Pesca. Dall’inquinamento delle plastiche in mare, al riutilizzo delle acque reflue, fino alla migliore presentazione del packaging dei prodotti ittici. Durante la sessione plenaria dell’Osservatorio della pesca del Mediterraneo, è stata presentata l’ultima edizione del Rapporto annuale sulla pesca e acquacultura, documento che fornisce indirizzi strategici per le risorse ittiche e del mare, che il Distretto della pesca redige per la Regione Siciliana. Fruibile open source sul sito www.distrettopesca.com

I progetti del Distretto Pesca, Bleu Adapt e Block Chain

A caratterizzare questa edizione di Blue Sea Land è stata la presenza raccontata, fisica e gastronomica del Granchio Blu. Una specie aliena in espansione anche nelle nostre acque, al centro del progetto Bleu Adapt, finanziato nel quadro del programma transfrontaliero Italia Tunisia 2014-2020, sull’invasione biologica marina, finalizzato a trasformare un attuale problema in risorsa, usando anche in cucina il nuovo arrivato. Il secondo progetto che ha preso ufficialmente il via durante Blue Sea Land è stato “Block Chain”, sulla tracciabilità della piccola pesca sia in Tunisia sia in Italia, per valorizzare il prodotto nella vendita. Di entrambi è project manager Angelita Marino del Distretto Pesca.

A far provare il gusto del granchio alieno al pubblico di Blue Sea Land sono stati gli chef Lorenzo Guardino e Valentina Laudonia, durante i cooking show organizzati in piazza della Repubblica, allo stand del Dipartimento Pesca della Regione Siciliana. Con il prezioso supporto degli studenti dell’istituto Francesco Ferrara, indirizzo alberghiero. I ragazzi degli indirizzi Turismo e Relazioni internazionali e marketing dell’Istituto commerciale, invece, hanno fatto da interpreti degli ambasciatori in quattro lingue diverse.
Foto di Roberto Rubino
Ulteriori informazioni visitare il sito www.bluesealand.net

L’ufficio stampa di Blue Sea Land
Milvia Averna
Milvia.averna@ideeinforma.it
Jana Cardinale