Buoni Fruttiferi Postali: nuova vittoria di Federconsumatori Sicilia

Federconsumatori Sicilia vince ancora sulla questione dei Buoni Fruttiferi Postali che Poste Italiane si rifiuta di liquidare. Un associato di Federconsumatori aveva acquistato nel 2006 e 2007 tre buoni da 1.000 euro ciascuno, della serie 18Q. La legge prevede che tali buoni cadano in prescrizione una volta passati dieci anni dalla data di scadenza del titolo, termine oltre il quale Poste Italiane non è più tenuta a pagare.

Ma sui buoni della serie 18Q non è indicata alcuna data di scadenza, cosa che ha reso difficile all’acquirente ricordarsi di liquidarli in tempo. Il Giudice di Pace di Palermo, aderendo alla tesi del legale di Federconsumatori Sicilia, l’avvocato Fabio Pernice, ha ritenuto che il risparmiatore non era stato messo nelle condizioni di esercitare tempestivamente il proprio diritto e ha condannato Poste Italiane a pagare i buoni, gli interessi e le spese legali.

La missione della Federconsumatori – spiega il presidente Alfio La Rosa – è quella di difendere gli interessi di tutti i consumatori. In questo caso abbiamo anche affermato il principio che nessuno, nemmeno Poste Italiane, è esentato dal dovere di informare un consumatore quando gli vende un prodotto o un servizio. Per noi, quindi, è una doppia vittoria“.

Federconsumatori è convinta che molti altri acquirenti di Buoni Fruttiferi Postali (anche di altre serie) possano essere in una situazione simile a quella in oggetto. Per questo invita tutti gli acquirenti con buoni scaduti o in scadenza a rivolgersi agli sportelli territoriali per avere assistenza.