Mazara e Castelvetrano. “RitrAtti Unici di donna”, dal 27 gennaio la rassegna curata dall’attrice e regista Luana Rondinelli

I Teatri Garibaldi e Selinus, di Mazara del Vallo e Castelvetrano, aprono le porte a un progetto tutto al femminile, organizzato dall’Associazione Palma Vitae  – che ha sede a Castelvetrano e si propone come punto di riferimento per l’ascolto del disagio femminile e delle problematiche delle donne in difficoltà – su idea dell’attrice e regista Luana Rondinelli, che ne curerà anche la direzione artistica. Un progetto che ruota attorno alla figura femminile legata anche al territorio. Si tratta di “RitrAtti Unici di donna”, che prenderà il via il 27 gennaio con l’esibizione di Francesca Incudine, cantautrice ennese che ha vinto il Premio Tenco 2018, e proseguirà con Margherita Peluso, attrice di origine siciliana che si divide tra l’America e l’Italia, autrice di “Io Marta”, incentrato sulla figura di Marta Abba, musa ispiratrice del grande scrittore e drammaturgo Luigi Pirandello, e poi ancora con “Giacominazza”, di Luana Rondinelli, sulla libertà individuale e psicologica della donna, per concludersi l’8 marzo con lo spettacolo finale del laboratorio teatrale del progetto “RitrAtti unici di donna”, portato avanti dalla stessa Rondinelli con Silvia Bello e Giovanni Carta nella sede di Palma Vitae. Nel corso della manifestazione finale, dedicata al mondo femminile, interverrà in qualità di madrina della serata e dell’evento, una personalità di spicco che si è contraddistinta nel territorio nell’ambito della cultura, della medicina e un altro settore di rilievo ancora in fase di individuazione. “La Sicilia è il nostro punto di riferimento – dice Luana Rondinelli – volevamo valorizzare il nostro territorio dando vita a un’idea che comprendesse anche un laboratorio svolto a Castelvetrano per la realizzazione di un progetto tutto al femminile, che possa essere l’inizio di un percorso e non un momento isolato”.

Jana Cardinale