La “Stella” di Consagra per ricordare i 50 anni del sisma del Belìce. Presentato stamattina il francobollo celebrativo di Poste Italiane

E’ stato presentato ufficialmente oggi nelle Scuderie del Castello Grifeo di Partanna il francobollo per commemorare il 50° anniversario del terremoto della Valle del Belìce,emesso dal Ministero dello Sviluppo economico e distribuito da Poste Italiane.

Ha introdotto la presentazione il Coordinatore dei sindaci della Valle del Belìce e primo cittadino di Partanna Nicolò Catania, che ha illustrato la storia dell’emissione straordinaria del francobollo e ha affermato: “L’emissione di questo francobollo è un grande successo per tutta la Valle del Belìce, un giusto tributo di memoria di un popolo che ha vissuto il dramma del terremoto, un popolo che è rinato attraverso la bellezza della sua storia, della cultura e della sua natura”.

Alla cerimonia sono intervenuti i sindaci della Valle del Belìce e i dirigenti di Poste Italiane che con il Direttore della filiale di Poste Italiane SPA di Trapani Fabio Bayona dichiara: “La filatelia attraverso l’emissione di questo francobollo vuole rappresentare la presenza dello Stato che riconosce, dona memoria ed importanza ad un territorio e a i suoi cittadini, una Valle che è rinata sotto il segno della Bellezza.”

Il Francobollo che ha valore di € 0,95 è stato realizzato dalla bozzettista Tiziana Trinca, del Poligrafico dello Stato, ed è accompagnato da un testo redatto dal critico d’arte e assessore alla cultura del Comune di Gibellina Tanino Bonifacio che, per Poste Italiane, così descrive i contenuti iconografici del francobollo:

“La “Stella di Gibellina” è rappresentata iconograficamente nel francobollo come stele della memoria viva, come quinta scenica che si innalza nell’azzurro del cielo e separa un “prima” e un “dopo” terremoto: prima le case dell’antica Valle costruite con pietra precaria e povera,  ma ricca di dignità, pietra come scrigno dei valori umani;  poi i segni del dramma, i ruderi intrisi  di profumi  familiari, testimoni silenziosi di  affetti perduti.


La “Stella” di Pietro Consagra è “porta”, varco per un transito fisico e simbolico nella vita dei territori del Belìce, luoghi disseminati di segni di creatività umana che indicano approdi felici in porti rassicuranti  pieni di bellezza naturale e culturale.


A mezzo secolo da quella tragica notte del 14-15 gennaio 1968, che vide aprirsi nel seno della Terra il buio dell’inferno e il demone della paura, la Valle del Belìce oggi è diventata una terra che quotidianamente crea, semina, custodisce il fiore imperituro e vitale della Bellezza umana”.

L’emissione di questo francobollo è inserita nel contesto delle iniziative dedicate al cinquantesimo anniversario del sisma del 1968  ed arricchisce il programma delle attività culturali promosse dal Coordinamento dei sindaci della Valle del Belìce.

 

Letizia Loiacono

Addetta stampa del comune di Partanna