Grande prestazione del Mazara che batte la Pro Favara 2-0 con i gol di Urruty e Concialdi

MAZARA: Ceesay, Giacalone (37°s.t. Salvo), Curseri, Urruty, Cipolla, Accardo, Bilello, Lamia, Messina (32°s.t. Baiata), Concialdi, Settecase (18°s.t. Caronia). In panchina: Basirico’, Nizzola, Corvaja, Rizzo, Maggio. All. Pietro Tarantino
PRO FAVARA: Chimenti, Marchica, Di Marco (32°s.t. Sanè), Firingeli (26°s.t. Alù), Fallea, Iannello, Spina (1°s.t. Cimino), Priolo, Contino, Piraneo (28°s.t. Chianetta), Ferraro. In panchina: Sarcuto, Caldaro, Saieva, Fanara (Allenatore),  Sammartino.
ARBITRO: Liberio Fundarotto di Trapani
ASSISTENTI: Vito Licari di Marsala e Salvatore Girolamo di Trapani

MARCATORI: 15° Urruty, 25° Concialdi

AMMONITI: Giacalone (M), Settecase (M), Bilello (M), Marchica (F), Fallea (F), Priolo (F)

ESPULSI: 17°s.t. Bilello (M) per doppia ammonizione

ANGOLI: 6-1 Per la Pro Favara

RECUPERI: Nel primo tempo 3 minuti; Nel secondo tempo 6 minuti

Inizia nel migliore dei modi il campionato del nuovo Mazara targato Pietro Tarantino. I canarini nella prima giornata superano 2-0 in casa la Pro Favara, squadra di tutto rispetto che ha giocato tutta la gara a viso aperto. Vittoria meritata dei gialloblu che davanti al proprio pubblico hanno sudato la maglia dando il meglio di quello che potevano dare ricevendo sostegno e applausi a scena aperta dalla tifoseria presente. Peccato per gli assenti che hanno perso di assistere ad una gara vibrante e bella da vedere. Il Mazara è sceso in campo senza lo squalificato Virgilio e l’infortunato Rosella che prossimamente vedremo tra i convocati nelle gare ufficiali . Baiata con un ginocchio malconcio e Caronia in fase di recupero dopo l’infortunio alla mano relegati inizialmente in panchina. I canarini illuminati dal grande Show di Concialdi e Settecase hanno disputato un grande primo tempo pieno di azioni spettacolari di cui due concretizzate in goal dall’argentino Urruty, e dal fantasista Concialdi. Nel secondo tempo si è sentita un po la stanchezza per il troppo caldo ed in inferiorità numerica addirittura dopo qualche azione offensiva degli ospiti, il Mazara è andato vicino al terzo goal. In difesa Cipolla e Accardo hanno fatto da chioccia ai giovani esterni Giacalone e Curseri. A centrocampo Tarantino ha schierato Urruty, Lamia e Bilello, in fase offensiva carta bianca sulle fasce esterne a Concialdi e Settecase. Punta centrale Messina! La Pro Favara ha giocato con grande impegno avendo nelle palle inattive la possibilità di creare qualche pericolo all’attenta retroguardia canarina, bravo Ceesay che ha chiuso bene lo specchio della porta. Andiamo alla cronaca:

PRIMO TEMPO

La gara inizia subito con il Mazara che va vicino al vantaggio. Al 4° Concialdi recupera palla nella tre quarti e dalla distanza lascia partire una staffilata che miracolosamente il bravo Chimenti con un colpo di reni riesce a deviare in angolo salvando la propria squadra dalla capitolazione.

15° Il Mazara costringe gli ospiti a stare nella propria meta campo e in un azione d’attacco in area favarese, dopo un batti e ribatti la sferra arriva al limite d’area nei piedi dell’argentino Urruty che lascia partire un tiro potentissimo che si infila in rete alle spalle dell’incolpevole Chimenti.

20° Il Mazara non ha pause, corre, gioca e manovra bene. Bella verticalizzazione iniziata da Accardo che serve Lamia, appoggio tutto di prima al centravanti Messina che calcia a botta sicura in porta ma la palla esce di poco fuori dai pali di Chimenti.

26° I canarini sembrano inarrestabili. Dalla fascia sinistra Settecase conquista palla, vede sulla fascia destra smarcato Concialdi e lo serve. Il fantasista Pierino si coordina bene e lascia partire un destro a volo che fulmina Chimenti che non può fare altro che raccogliere la palla finite in fondo al sacco. 2-0 per il Mazara e pubblico in visibilio per la grande azione corale dei canarini nel costruire l’azione del doppio vantaggio.

28° Ci prova la Pro Favara. Punizione dal limite battuta da Priolo con la palla abbrancata da Ceesay.

44° La Pro Favara non si arrende mai e con Ferraro trova un diagonale che sfiora i pali della porta del portiere mazarese.

Il primo tempo termina con 3 minuti di recupero.

SECONDO TEMPO

Le squadre fanno il loro ingresso in campo. Negli ospiti c’è subito il primo cambio, resta negli spogliatoi Spina e al suo posto entra Cimino.

6°s.t. Il Mazara potrebbe segnare il terzo gol. Dalla sinistra l’incontenibile Settecase mette un cross in area, di testa colpisce Messina che manda la sfera a colpire la base dell’incrocio dei pali a portiere battuto.

9°s.t. Ceesay respinge male un tiro, la palla arriva al limite d’area e viene calciata da Ferraro che manda fuori.

17°s.t. L’arbitro vede un fallo del già ammonito Bilello, estrae prima un altro giallo e poi il rosso. I canarini contestano vivacemente questa decisione. Mazara in dieci uomini.

18°s.t. Tarantino con la sua squadra in inferiorità numerica è costretto a ridisegnare lo schema tattico, sostituisce Settecase con Caronia per dare più forza in mezzo al campo.

20°s.t. Gli ospiti ci provano con Cimino, il suo tiro diretto in porta finisce fuori.

26°s.t.  Nella Pro Favara esce Firingeli ed entra Alui.

28°s.t. Altro cambio negli ospiti. Fuori Piraneo, dentro Chianetta.

30°s.t. Nella trequarti ospite Caronia serve Messina, il tiro dell’attaccante termina fuori.

32°s.t. Tarantino cerca di dare più freschezza nel reparto arretrato, toglie l’attaccante Messina per il difensore Baiata.

32°s.t. Negli ospiti dentro Sanè, fuori Di Marco.

36°s.t. Concialdi inventa un assist filtrante per Giacalone che solo davanti al portiere calcia debolmente e si fa parare il tiro da Chimenti. Occasione sprecata.

37°s.t. Nei canarini esce Giacalone ed entra Salvo.

47°s.t. Colpo di testa ravvicinato di Chianetta, abbranca Ceesay.

48°s.t. Ottimo assist di Caronia per Lamia che si presenta in area calcia in porta a botta sicura ed è bravo Chimenti a chiudere lo specchio e respingere con i guantoni. Altra occasione sprecata dei gialloblu.

49°s.t. La Pro Favara potrebbe segnare il gol della bandiera. Sugli sviluppi di un calcio d’angolo, la palla lemme lemme attraversa vicino la linea bianca della porta e Contino a porta vuota non riesce a buttarla dentro.

La gara finisce dopo 6 minuti di recupero.

(Nella foto di Gianfranco Campisi il raddoppio del Mazara con il gol di Concialdi)

Piero Campisi