Eolico. Chiesto giudizio immediato per gli Arata e i Nicastri

Chiesto il giudizio immediato per Paolo Arata e per il figlio Francesco Paolo, ma anche per i presunti soci in affari  il «re dell’eolico» Vito Nicastri, ritenuto vicino ad ambienti mafiosi, e il figlio Manlio, insieme a un loro presunto prestanome, Antonello Barbieri.

A processo, insieme a loro, andranno anche e Alberto Tinnirello e Giacomo Causarano, rispettivamente dirigente e funzionario dell’assessorato regionale all’Energia. Il dibattimento inizierà il 18 dicembre davanti alla seconda sezione del Tribunale. Le accuse sono intestazione fittizia di beni, corruzione e autoriciclaggio.

Fonte: GDS