Egadi. Il 17 agosto si è svolto il Tartaday, giornata promossa dai partner del progetto “TartaLife” per celebrare le tartarughe marine

L’Area Marina Protetta Isole Egadi, insieme agli altri partner del progetto LIFE+12 Tartalife, finanziato dalla Commissione europea, anche quest’anno ha organizzato il TARTADAY, giornata dedicata alle tartarughe marine e occasione per porre l’attenzione sulla tematica della tutela ambientale e della salvaguardia di questa specie a rischio. In tutta Italia, in particolare ove risiedono i Centri di Recupero e Primo soccorso afferenti al progetto sono state promosse iniziative a tema. Per tutta la giornata di ieri, 17 agosto, lo staff dell’AMP e del Centro di Primo Soccorso ha svolto diverse attività, coinvolgendo adulti e bambini in momenti di sensibilizzazione ed educazione ambientale. Di mattina, a Marsala, è stato svolto un incontro presso il Circolo Velico Marsala alla presenza del Comandante dell’Ufficio Circondariale Marittimo della Guardia Costiera, del funzionario della Ripartizione Faunistico Venatoria di Trapani e di circa quaranta soci, durante il quale, alternando momenti didattici e ludici per coinvolgere grandi e piccini, si è parlato delle iniziative condotte nell’ambito del progetto Life+12 TartaLife, di tartarughe marine, della loro ecologia, delle minacce alle quali sono sottoposte e di ciò che, con piccoli comportamenti, possiamo fare per contribuire alla loro tutela. Al termine dell’evento, con il supporto della motovedetta CP 2114 al largo delle coste Marsalesi è stato rilasciato in natura Isaac (in omaggio al ricercatore Newton), un giovane esemplare di Caretta caretta giunto al Centro di Primo Soccorso dell’AMP nel mese di maggio scorso, grazie alla segnalazione di un pescatore professionista di Marsala che, avendolo trovato imbrigliato nelle sue reti da posta, ha allertato la Capitaneria di Porto locale per assicurarlo alle cure necessarie. Nel pomeriggio, presso il centro di Primo Soccorso per Tartarughe Marine, si è svolto il secondo appuntamento dedicato ai più piccoli, il Tartabimbi, un viaggio alla scoperta del mondo delle tartarughe marine, al quale hanno preso parte circa 30 giovanissimi, accompagnati dai loro genitori, che attraverso il gioco hanno appreso informazioni di biologia marina ed educazione ambientale. Per informazioni sulle attività del progetto Life+12 Tartalife si rimanda al sito www.tartalife.eu.
comunicato stampa